Con MITO SettembreMusica
torna la "Luce"

Dopo due edizioni caratterizzate da diverse limitazioni, causate della pandemia - quella del 2020 tutta italiana e quella del 2021 con le sale ancora a ranghi ridotti - il festival che tradizionalmente unisce Milano e Torino in un unico palinsesto musicale riprende la sua dimensione naturale. Quella delle grandi compagini internazionali, degli artisti provenienti da ogni parte del mondo, della curiosità musicale, proposta nelle grandi e piccole sale delle due città, finalmente con la piena disponibilità della loro capienza.

La "Luce" quindi non sarà solo quella del tema del cartellone e dei suoi programmi musicali, ma anche e soprattutto quella che scaturirà dall'incontro con il nostro vicino di posto, dallo scambio e dalla circolazione di quelle idee che naturalmente la grande musica porta con sé, in una ritrovata dimensione sociale alla quale per troppo tempo siamo stati costretti a rinunciare.
Perché l'estensione globale della cultura di oggi passa comunque ancora attraverso la circolazione delle emozioni e delle opinioni che essa suscita, e un festival come MITO intende coltivarle e incoraggiarle più che mai.

Ci piace ricordare che il festival Settembre Musica fu fondato a Torino 45 anni fa da Giorgio Balmas, allora Assessore per la Cultura


Stefano Lo Russo

Stefano Lo Russo
Sindaco della Città di Torino
Presidente onorario di MITO SettembreMusica

Giuseppe Sala

Giuseppe Sala
Sindaco della Città di Milano
Presidente onorario di MITO SettembreMusica

 

La Musica ritorna in scena con il Festival MITO SettembreMusica

Per poter correre la maratona a livello agonistico una delle regole da seguire per non incorrere nella squalifica è di non sentire Musica in cuffia, cosa che invece molti maratoneti fanno usualmente in allenamento. Musica quasi un doping? Forse è troppo pensarla così ma certo la musica da ritmo, allevia la fatica, aiuta la concentrazione, da coraggio così come ci riporta ad emozioni e sensazioni già provate.

Musica allora che ritorna in scena a settembre 2022 con il Festival MITO SettembreMusica, dopo due anni di versione forzatamente ridotta, in tutta la sua ricchezza e varietà di programmazione.
Tenendo fede alle sue radici il Festival presenterà artisti italiani e stranieri, grandi orchestre, prime esecuzioni, spettacoli per i più piccoli in varie zone delle due città e con biglietti a prezzi popolari. Speriamo in un’edizione con platee senza limitazioni di posti e distanze perché si possa fare ed ascoltare musica insieme in varie ore della giornata con un percorso itinerante che “informalmente” ci porterà a contatto con gli artisti e a conoscere vari luoghi e teatri delle città.

Il Festival presenterà artisti italiani e stranieri, grandi orchestre, prime esecuzioni, spettacoli per i più piccoli in varie zone delle due città e con biglietti a prezzi popolari

Il tema quest’anno è "luci" declinato anche nel programma con originalità e accattivante varietà di suggestioni. Luce che scaccia le tenebre, luce della ragione, luce in fondo al tunnel, luce che scalda, luce dello spirito, luce della rinascita, questo è la Musica, un linguaggio che attraverso i sensi e la mente raggiunge subito il cuore emozionando e sollevando pensieri e ricordi. Un linguaggio che speriamo possa raggiungere anche nuovi spettatori, un programma per tutti neofiti ed ascoltatori colti ed esperti, ognuno può formarsi il proprio palinsesto e seguire giorno per giorno i nostri concerti.

Un grazie va a tutti i nostri sponsor sempre fedeli che ci confortano e ci sostengono nel nostro lavoro, prima tra tutti IntesaSanpaolo al nostro fianco da anni.
Il Ministero dei Beni Culturali per l’edizione che “stà per vedere la luce” ci sostiene quest’anno con un’attenzione speciale che ci onora anche nelle motivazioni. Vorrei, come ultima notazione esprimere la mia soddisfazione per un Team che unisce Milano e Torino con un’armonia ed un’unità di intenti rivolta unicamente al successo del Festival. Un’armonia che possiamo plasticamente vedere nell’orchestra MITO formata per l’occasione dagli allievi dei Conservatori delle due città seduti fianco a fianco nella lettura del medesimo spartito. Un augurio perchè le due splendide città così diverse e così vicine possano sempre di più fare squadra e collaborare con successo.

Che le "luci" si spengano e lo spettacolo inizi..., buon Festival MITO a tutti noi!


Anna Gastel

Anna Gastel
Presidente di MITO SettembreMusica