Milano / Domenica 9 Settembre 2018


TANGO

Da tempo non è più solo una questione di gambe e di sguardi. Il tango ha un coté concertistico affascinante, che qui da Stravinsky passa attraverso il capolavoro di Piazzolla per giungere alla coloratissima trascrizione sinfonica dei più celebri tanghi di Gardel, appena realizzata da un giovane compositore argentino.

Igor Stravinsky

Tango

Carlos Gardel

Melodía de arrabal

El día que me quieras

Volver

Mi Buenos Aires querido

Lejana tierra mía

Por una cabeza

trascrizioni per tenore e orchestra di Diego Collatti
PRIMA ESECUZIONE IN ITALIA

Mariano Mores

El firulete, tango milonga

Astor Piazzolla

Las cuatro estaciones porteñas

Il concerto è preceduto da una breve introduzione di Gaia Varon
 

In collaborazione con
laVerdi


 

Posto unico numerato € 20

 
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Visitando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
Informazioni
OK