Antonio Giovannini

Antonio Giovannini ha debuttato nel 2009 al Festival International de Musique Baroque de Beaune in Giulio Cesare con Al Ayre Español ed Eduardo Lopez-Banzo ed è stato diretto da Riccardo Muti in Demofoonte (Salisburgo e Parigi) e La Betulia Liberata (Salisburgo e Ravenna) di Jommelli. Tra gli impegni delle scorse stagioni ricordiamo la prima esecuzione in tempi moderni dell’Orlando finto pazzo di Vivaldi a Venezia; Agrippina con Il Complesso Barocco e Alan Curtis a Milano, Vienna e Madrid; Il Vespro della Beata Vergine a Londra con la Venexiana e Claudio Cavina; Rodelinda e Artaserse al Festival di Martina Franca con Diego Fasolis; Teuzzone (Egaro) con Jordi Savall a Versailles. Più recentemente ha interpretato Catone in Utica a Vienna e a Cracovia con Modo Antiquo e Federico Maria Sardelli, i Chichester Psalms di Bernstein a Ravenna, Carmina Burana con la Chicago Symphony Orchestra e Riccardo Muti a Chicago e New York, la prima mondiale in tempi moderni di Bajazet di Gasparini con Auser Musici a Barga. Prossimi impegni includono il debutto alla Musikakademie di Katowice con Il Re Pastore di Agnesi e la registrazione di un cd per Sony International.