Olli Mustonen

Olli Mustonen occupa un posto unico sulla scena musicale odierna. Come pianista ha affascinato il pubblico per la tecnica strepitosa e per la genialità d’interprete. Come direttore ha fondato la Helsinki Festival Orchestra ed è Direttore Associato della Tapiola Sinfonietta. In qualità di compositore fa parte di una scuola di musicisti la cui visione è espressa con la medesima vivacità tanto nell’arte dell’interpretazione quanto in quella della composizione ex novo. Nato a Helsinki, Mustonen ha intrapreso lo studio del pianoforte, del clavicembalo e della composizione all’età di cinque anni. Ha studiato con Ralf Gothoni e, in seguito, pianoforte con Eero Heinonen e composizione con Einojuhani Rautavaara. Ha suonato in tutte le grandi capitali mondiali della musica, incluse Vienna, Berlino, Amsterdam, Londra, Parigi, Roma, New York e Tokyo. Si è esibito con le principali orchestre, tra cui: Berliner Philharmoniker, Chicago Symphony, Cleveland Orchestra, DSO Berlin, London Philharmonic, Los Angeles Philharmonic, Philadelphia Orchestra, Philharmonia Orchestra e la Royal Concertgebouw di Amsterdam. Ha collaborato con direttori quali: Ashkenazy, Barenboim, Berglund, Boulez, Chung, Dutoit, Eschenbach, Harnoncourt, Masur, Nagano, Salonen e Saraste. Tra gli impegni della prossima stagione spiccano i concerti con la New York Philharmonic, il Leipzig Gewandhaus, l’Orchestra Filarmonica di Varsavia e l’Orchestra Sinfonica di Milano “Giuseppe Verdi”. Numerosi anche i suoi impegni come direttore, che lo vedono impegnato in produzioni con l’Orchestra Filarmonica di Helsinki, la NHK Symphony Orchestra e la WDR Symphony Orchester di Colonia. Attualmente sta compiendo una lunga tournée europea con Steven Isserlis e sarà ospite del Festival di Baden-Baden che gli ha dedicato la rassegna “Artist Portrait of the year”. La sua attività di pianista e di direttore si basa sulla fondamentale esperienza di compositore. Mustonen sostiene che ogni esecuzione debba sempre destare l’interesse di una prima assoluta e si pone di fronte all’autore trattandolo come un suo contemporaneo. Questa vocazione all’innovazione lo porta a esplorare molte aree del repertorio al di là dei canoni prestabiliti. L’incisione per Decca dei Preludi di Shostakovich e di Alkan è stata premiata con l’Edison Award e il Gramophone Award. Dal 2002 Mustonen registra per Ondine Records, casa discografica per la quale ha già pubblicato i Preludi e le Fughe di Bach e Shostakovich, opere pianistiche di Sibelius, opere di Hindemith e Sibelius (nelle quali figura sia come solista che come direttore della Helsinki Festival Orchestra). Ha inciso anche una selezione di opere di Prokofiev, la Sonata n. 1 di Rachmaninov e Le stagioni di Caikovski. Sempre per Ondine sta realizzando l’integrale dei Concerti di Beethoven, nel doppio ruolo di direttore e solista. “Scoperto” per l’Italia da Serate Musicali, è loro ospite memorabile dal 1994.