Alessandro De Marchi

Alessandro De Marchi ha diretto importanti produzioni affermandosi come interprete di un repertorio che spazia da Monteverdi, Cavalli, Vivaldi e Händel a Keiser, Pergolesi e Hasse fino a Haydn, Mozart e Cimarosa, Bellini, Rossini e Donizetti, con grande attenzione alla prassi
esecutiva con orchestre di strumenti antichi e moderni. Ha studiato organo e composizione al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma, cembalo, musica da camera e prassi esecutiva barocca alla Schola Cantorum Basilensis. Dopo un periodo di apprendistato alla Staatsoper di Berlino (dove è stato maestro sostituto, assistente, Kapellmeister e infine direttore ospite) e al festival di Salisburgo (dove è stato assistente, tra gli altri, di Abbado, Barenboim e Runnicles) inizia a dirigere regolarmente presso importanti teatri europei quali la Scala a Milano, Theater an der Wien, Opera di Oslo, Concertgebouw ad Amsterdam, Teatro Regio a Torino, Maggio Musicale a Firenze, La Monnaie a Bruxelles, Semperoper a Dresda, Opera di
Lione, San Carlo a Napoli e orchestre quali Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, Wiener Sinfoniker, NDR Radio Philharmonie, Staatskapelle di Berlino. Ha al suo attivo numerose incisioni discografiche; la più recente è La Sonnambula, nella versione Malibran, con Cecilia Bartoli e Juan Diego Flórez. Dal 1998 Alessandro De Marchi è direttore principale dell’Academia Montis Regalis, con la quale ha realizzato numerosi concerti di musica barocca e classica al Théâtre des Champs-Elysées a Parigi, Bologna Festival, Unione Musicale a Torino, Società del Quartetto a Milano, Festival di Musica Antica di Innsbruck, Festival Pergolesi a Jesi, conseguendo successi di rilievo, quali l’attribuzione del Premio Abbiati. Dal 2009 Alessandro De Marchi è il direttore artistico del Festival di Musica Antica di Innsbruck.

(Data ultima revisione: 2019)

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Visitando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
Informazioni
OK