Milano / Mercoledì 5 Settembre 2018

MELODIE INATTESE

Certo, di solito è il ritmo della loro musica a scuoterci l’anima. In questo programma, però, Beethoven e Stravinsky si giocano un’altra carta, distendendo alcune delle loro melodie più orecchiabili. Tanto da rivelare una vicinanza insospettata.

Igor Stravinsky

Suite per violino e pianoforte,
da Pulcinella

Ludwig van Beethoven

Sonata in fa maggiore op. 24 “La primavera”

Sonata n. 4 in la minore op. 23

Igor Stravinsky

Prélude et ronde des princesses, Berceuse, Scherzo da L’oiseau de feu

Peter Laul, pianoforte
Il concerto è preceduto da una breve introduzione di Gaia Varon
 

Posto unico numerato € 15

 
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Visitando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
Informazioni
OK