Maurice Steger

Nato in Svizzera nel 1971, Maurice Steger ha studiato alla Musikhochschule di Zurigo con Pedro Memelsdorff e Kees Boeke. In seguito ha vinto numerosi premi tra cui il Friedrich Hegar Preis e, nel 2002, il prestigioso premio Karajan del Eliette von Karajan Kulturfonds. Ha suonato nei festival e nelle sale più rinomate d’Europa. Nel 2003, durante una tournée in Sud America, ha inoltre inaugurato il festival di musica a Belem, in Brasile. È molto richiesto dalle maggiori orchestre di strumenti antichi, quali Akademie für Alte Musik, Musica Antiqua, Europa Galante, Accademia Bizantina o I Barocchisti e suona con artisti famosi come Hilary Hahn, Rainer Kussmaul, Igor Oistrakh, Marcus Creed, Jörg Faerber, Fabio Biondi, Sandrine Piau, Andrew Manze, Diego Fasolis, Albrecht Mayer, Ruth Ziesak, Andreas Scholl e Hille Perl. Nei suoi recital viene regolarmente accompagnato da Naoki Kitaya e il Continuo Consort, Sergio Ciomei e Markus Märkl. Un successo particolare è stato riscosso dal suo progetto Tino Flautino, una favola musicale per bambini. Steger ha inoltre registrato diversi cd, alcuni dei quali sono stati premiati; la sua ultima incisione (Mr. Corelli in London, 2010) è dedicata a Corelli e porta alla luce uno stile d’esecuzione storicamente autentico anche se quasi completamente dimenticato.