Notos Quartett

Notos Quartett
Notos Quartett
Fra le più notevoli formazioni da camera del nostro tempo, il Notos Quartett si è fatto apprezzare dalla critica musicale internazionale per la brillantezza del virtuosismo, il senso dell’equilibrio e la profonda musicalità. Dal 2017, anno della sua costituzione, il Notos ha ottenuto sei primi premi in concorsi internazionali in Olanda, Italia, Inghilterra e Cina. Ultimo in ordine di tempo l’Echo Klassik Award nel 2018, restituito dal Notos ai promotori del premio, non avendo condiviso la decisione della commissione di conferire l’Echo Pop a un album che al suo interno conteneva musiche antisemitiche e lesive dell’umanità delle persone. Dopo il Notos, anche il pianista Igor Levitz e il direttore Daniel Barenboim, destinatari dello stesso riconoscimento, lo hanno restituito e questa solidarietà artistica ha prodotto la cancellazione del premio. Fra i suoi appuntamenti più significativi troviamo concerti alla Tonhalle di Zurigo, alla Casa Internazionale della Musica di Mosca, alla Wigmore Hall di Londra, oltre alle prime esecuzioni di lavori a loro dedicati scritti da Beat Furrer e Bryce Dessner. L’attività artistica del Notos si propone anche di far conoscere opere dimenticate o ritenute marginali e lavori contemporanei scritti per quartetto con pianoforte. Questa scelta artistica traspare con chiarezza nell’album che ha segnato il debutto discografico per Sony Classical nel 2017 dal titolo Tesori ungheresi, nel quale si può trovare la prima incisione mondiale del Quartetto con pianoforte di Béla Bartók. L’ampiezza delle scelte e dell’impegno artistico del Quartetto sono testimoniate dalle numerose registrazioni radio effettuate per le più famose emittenti tedesche, per BBC, France Musique, Radio 4 Hollande, P2 Sweden, IPR USA e per le televisioni giapponesi e vietnamite. Oltre alla presenza nelle sale da concerto europee più rinomate (Wigmore Hall, Konzerthaus Wien, Bozar Bruxelles, Teatro La Fenice, Philharmonie Berlin), il Notos Quartett è invitato regolarmente nel Sudest asiatico, dove spesso tiene masterclass per giovani interpreti. Il Quartetto si è formato artisticamente grazie agli insegnamenti e al sostegno dei Quartetti Alban Berg e Mandelring, di Clemens Hagen, Uwe-Martin Haiberg, Menahem Pressler e András Schiff. L’Ensemble è direttore artistico della Notos Chamber Music Academy.