Claire Booth

Ph. Sven Arnstein
Ph. Sven Arnstein
Claire Booth è diventata famosa per il suo vasto repertorio operistico e concertistico. Nella stagione 2012/2013 le sue esibizioni hanno incluso Kafka Fragments di Kurtág, un concerto di arie mozartiane con la Deutsche Symphonie Orchester e Whitman Settings di Knussen con Boston Symphony Orchestra. Tra i recenti successi si annoverano Rosina nel Barbiere di Siviglia e Dorinda nell’Orlando di Händel per Scottish Opera, Nora in Riders to the Sea di Vaughan Williams per English National Opera, Anne Truelove in The Rake’s Progress di Stravinskij con City of Birmingham Symphony Orchestra, Lucia in The Rape of Lucretia di Britten e il Narratore in Into the Little Hill di Benjamin per l’Aldeburgh Festival, Zerlina in Don Giovanni e Prima Nipote in Peter Grimes di Britten per Opera North, Despina in Così fan tutte per Angers-Nantes Opéra e Mélisande in Pelléas et Mélisande per Opera Theatre Company di Dublino. Nel 2013 ha debuttato alla Welsh National Opera interpretando Pakati in Wagner Dream di Jonathan Harvey. Ha inoltre cantato con BBC Symphony Orchestra, City of Birmingham Symphony Orchestra, Ensemble Intecontemporain, Los Angeles e London Philharmonic Orchestra; ai BBC Proms, dove è ospite regolare, ha interpretato tra gli altri Whitman Settings e Requiem – Songs for Sue di Knussen, Ancient Voices of Children di Crumb, On voit tout en aventure di Bedford, Der Wein di Berg e Le Martyre de Saint Sébastien di Debussy. Una serie di collaborazioni con la regista Netia Jones comprendono i ruoli di Max in Where the Wild Things Are e di Rhoda in Higglety, Piggelty, Pop di Knussen in una lunga tournée per le celebrazioni del sessantesimo compleanno dell’autore. Ha inciso Wagner Dream di Harvey, The Judgement of Paris di Eccles e diversi lavori di Knussen; il suo disco più recente è una registrazione dal vivo di The Rape of Lucretia. Tra i prossimi impegni la Spring Symphony di Britten ad Aldeburgh per il centenario della nascita del compositore.